Pranzo di Natale coi Poveri


Anche quest'anno per Natale la Basilica ha ospitato il pranzo di Natale con i poveri della città, con cui in verità si costruisce una bella amicizia lungo tutto l'anno. Erano presenti bambini anziani, disabili, stranieri, nomadi. Il clima è stato quello di una festa in famiglia in cui ognuno ha un posto. Il menù, studiato con cura andava dall'antipasto al panettone. Al termine Babbo Natale ha dato a ciascuno un regalo personalizzato, fasciato con carta rossa.



Gli invitati quest'anno all'Annunziata erano più di 300; in tutta la città i pranzi di Natale della Comunità di Sant'Egidio hanno raccolto più di 4200 persone, solo l'anno scorso erano state 3400. I volontari che hanno aiutato a realizzare questa bella festa sono stati un migliaio. Anche il sindaco Marta Vincenzi e il cardinale di Genova, Angelo Bagnasco, hanno visitato, sabato, le donne e gli uomini seduti ai tavoli nella chiesa dell'Annunziata: «Il Natale rappresenta il segno di Dio che è solidale con noi, ma anche la richiesta di Dio agli uomini ad essere solidali tra loro», ha detto Bagnasco.